INTERVISTA A GIO’ D’ANGI, CANTANTE

L’intervista di oggi mi fa sentire un pò il profumo di casa, vi presento l’intervista di una mia quasi compaesana, parliamo di Giò D’Angi, cantante e attrice di musical che ha iniziato tutto con Sanremo Giovani nel 2005. Premetto che è stato un piacere ed un onore poter avere una sua intervista nel mio blog, ma iniziamo:

1 – CHI E’ GIO D’ANGI?
Giovanna è una giovane donna, con l’animo da eterna ragazzina. Una sognatrice, con la testa tra le nuvole e i piedi ben saldati a terra.

2 – COM’E’ NATA LA PASSIONE PER IL CANTO?
Senza dubbio a 3 anni, quando mi hanno messa per la prima volta su un palco, ho capito che quello era il posto dove volevo stare. Da allora non ho mai smesso di seguire i miei sogni. Tantissime le esperienze che mi hanno insegnato tanto e mi ritrovo ancora qui, con tanti sogni realizzati e tanti altri da realizzare.

3 – E’ INIZIATO TUTTO CON SANREMO, COSA RICORDI DI QUELL’ESPERIENZA?Sanremo è sicuramente l’avventura più bella, dura, difficile e indimenticabile della mia vita. Ricordo la frenesia di quei giorni, le esibizioni su quel palco, le infinite emozioni e le belle persone che hanno incrociato il mio cammino. Da li son partite una serie di esperienze stupende, dalle tournée con le orchestre sinfoniche, per arrivare al musical che mi permette ancora dopo 11 anni, di salire sui palchi dei teatri più belli di’Italia.

4 – QUAL’E’ LA CANZONE CHE SENTI PIU’ TUA?
Non c’è una canzone in particolare, ogni canzone mi appartiene, perché le canzoni raccontano delle storie, ogni parola diventa una parte di te. Se scegli di ascoltare o cantare una canzone è perché ti rispecchi in essa.

5 – E’ APPENA USCITO IL TUO DISCO, CI RACCONTI QUALCOSA?
“Senza paracadute” è frutto dell’incontro con l’autore e produttore artistico Raffaele Andrea Viscuso che già conoscevo perché scrisse il brano che mi permise di entrare a Sanremo Giovani. Abbiamo iniziato a lavorare ai primi due brani, non appena realizzati, Raffaele li ha fatti ascoltare a diversi editori discografici con i quali lavora. Abbiamo avuto ottimi riscontri, così abbiamo valutato le diverse proposte, per poi scegliere la Senza Dubbi s.a.s. che ha anche lavorato con Benji e Fede. Le canzoni dell’album sono state scritte tutte da Raffaele, alcune in collaborazione con altri autori che hanno firmato per artisti come Gazzè, Gianni Morandi, Mina & Celentano. In uno dei brani ha suonato Marisa Mercadè, collaboratrice dei mitici Gotan Project.

6 – QUANTO E’ FATICOSO LAVORARE NEI MUSICAL?
Molto! tanto impegno e disciplina. Lo studio alla base di tutto. Sicuramente non ci si può improvvisare, perché quando devi cantare, ballare e recitare, non puoi non avere una buona preparazione, sopratutto fisica. Tecnicamente devi essere pronto ad affrontare almeno 7/8 spettacoli a settimana e non è una cosa facilissima, sia per la voce che per il fisico. Allenamenti giornalieri e adrenalina sempre al massimo… è faticoso eh!!!

7 – COSA SI PROVA AD ESSERE UNA DONNA SICILIANA CHE LAVORA IN QUESTO CAMPO?
Poter rappresentare la terra che tanto amo, è per me motivo di grande orgoglio. Porto la Sicilia nel cuore e la forza dell’Etna nell’anima. Una donna che cerca una forma di riscatto per la regione più bella d’Italia che purtroppo ancora nel 2019 è considerata una “Regione del Sud” nel senso più dispregiativo del termine.

8 – DOVE TI VEDI FRA 10 ANNI?
Mi vedo sul palco, con la stessa energia, amore e passione di sempre. A lottare ancora per i miei sogni.

Volevo ancora ringraziare Giò per il tempo che mi ha dedicato. Se volete seguirla, vi consiglio la sua pagina Instagram dove potrete vedere tutte le sue stories sempre divertentissime.

TORNARE A CASA DA (FALSO) TURISTA!!!

20160901_095332

Purtroppo non è facile lasciare la propria Terra per cercare fortuna oltre i confini italiani. La mia esperienza, fino ad ora positiva, mi porta a pensare che questo passo cosi importante sia quasi “obbligato”, forse meglio dire “costretto”, per trovare una pace interiore che, ahimè, in Italia non si trova più. Io dopo quasi 2 mesi di lavoro intenso in Germania, ho avuto la possibilità di andare in ferie, e ho deciso di tornare nella mia bella Sicilia per ben 2 settimane. Mi aspettavo di godermi l’estate fino in fondo: sole, spiaggia, mare e serate con gli amici. Quasi niente di tutto questo, a parte qualche serata con gli amici e qualche giornata di sole, mare e spiaggia visti da lontano. Quando si torna da turista a “casa”, turista non si è mai. Bisogna sistemare tutto, salutare persone, comprare cose che ti possono servire, anche perchè mi attende un inverno leggermente diverso di quelli a cui sono abituato, senza dimenticare che ho avuto anche la “fortuna” di beccare la pioggia. In fondo però si è felici, ritornare un pò a parlare italiano, scambiare chiacchiere con chi conosci da una vita e ridere di storie passate, anche se la domanda in primis, appena ti vedono, è “Ma com’è la Germania?” ma tu prepari una risposta standard per tutti e non deludi nessuno. Altra pecca è il cibo: Arancini, Tavola Calda, Cannoli, Granite, Pistacchio ecc. ti fanno salire che sembri una palla, nel mio caso non cambia nulla, ma vabbè, tanto per dire. Mi ha fatto davvero piacere tornare a casa per un pò, ma diciamola tutta, anche se non ci abito più e non ci lavoro, da turista la Sicilia non la vedrò mai, però me la godo comunque. Io me ne ritorno in Germania felice e contento, spero di leggere qualche notizia positiva da questo paese ormai dimenticato. Un abbraccio dal vostro BornCrazy. Peace and Love Sicily…. XD

DAVID GUETTA A PALERMO: IO C’ERO!!!

20160710_002737

Circa 3 mesi fa, mi arrivò la notizia che David Guetta sarebbe stato a Palermo, sabato 9 luglio, nell’ambito dell’ottava edizione di “Porto d’Arte”. Un amico mio mi chiese “Che facciamo? Ci andiamo?” la mia risposta non poteva che essere positiva. Prendiamo i biglietti e organizziamo il tutto.

Sabato 9 luglio: Due auto, belli e organizzati, ci aspettano 239km, 3 ore di viaggio, si parte. Per strada si ascolta musica tranquilla e si scattano foto. Arrivati in albergo, ci diamo del tempo per prepararci e andiamo a Castello a Mare, circa 800mt da dove alloggiamo. Entriamo alle 19:00 e già si balla. Iniziano a suonare dei dj locali per poi lasciare spazio a Kungs e Jonas Blue. Il primo davvero bravo, è piaciuto molto, meno il secondo, forse perchè ci divideva da Guetta. Entrambi sono dei produttori di buon successo, che hanno iniziato molto bene aprendo ormai quasi tutti i concerti del dj francese.

Dopo ben 5 ore di attesa, a mezzanotte, uno dei più grandi dj del momento, a 49 anni suonati, autore di hit quali “Dangerous”, “Titanium”, “Hey Mama”, “Gettin Over You” e di “This One’s For You” canzone degli Euro 2016 in Francia: DAVID GUETTAAAAAAA!!!!! Partito con un intro stupenda. Ha suonato per circa 1 ora e mezza, facendo ballare tutta la gente venuta per lui. Gli schermi proiettavano una grafica davvero molto colorata con alcune riprese live. E’ stata davvero un’esperienza unica. Ritorno a casa con un dolore di piedi mai visto prima ma felice. Durante il live non sono mancati gli scontri, da chi mi ha tirato il telefono per terra che come un rinoceronte ho ripreso spazzando tutto ciò che mi divideva da lui a due donne di circa 40 anni che si erano fissate dovevano ballare al nostro posto, e noi chiusi a conchiglia, classica tattica romana, non abbiamo ceduto a nessuno. Di ritorno in albergo non poteva mancare un buonissimo panino con la porchetta palermitana per riprenderci ed acqua a non finire.

Domenica 10 luglio: Ritorno alla base, con qualche complicazione, un amico ci ha fatto visitare l’ospedale di Palermo, per ben 6 ore, molto ben organizzato e molto pulito. L’importante che tutto sia andato per il meglio. Arriviamo a casa verso le 21:00 con tantissimi ricordi di questo fine settimana. Vi saluto con un altra esperienza condivisa con tutti voi. Peace and House Music. BornCrazy xD

13592219_10208772856112989_2154288147141538119_n

E VOI? CHE MINCHIA BEVETE?

2Ebbene si… Camminiamo verso uno stand della Nivarata 2016 (vedi piccolissima recensione su Facebook alla pagina BornCrazy) e ci viene chiesto “Ragazzi, che minchia bevete?”. Immaginatevi la 1scena: camminate tranquilli, tra gli stand, vi ferma uno, vi guarda con faccia molto seria, facendovi questa fatidica domanda. Incuriosito osservo attendamente lo stand e guardo che MINCHIA è il nome di una birra artigianale messinese. Il mio primo pensiero è stato sicuramente: “E’ UNA GENIALATA”, se guardiamo la parte marketing della situazione, la parola “MINCHIA” è la più usata della Sicilia. Viene usata per tutto “Minchia mbare, come stai?” oppure quando un siciliano è sorpreso da una notizia “MIIIIINCHIA”, insomma, viene usata dappertutto.

Ma ritorniamo alla birra. Prodotta a Messina, la birra Minchia è disponibile “Bionda”, “Rossa” e “Tosta”. Tutte a bassa fermentazione (14° – 0° C), utilizzando una selezione di lieviti (saccharomyces carlsbergensis) e prodotte artigianalmente, in bottiglie da 33cl e 75cl utilizzando vetro riciclato. Cosa volete di più? Bevete birra3 artigianale rispettando l’ambiente. Ma quale scegliere? La “Bionda” con grado alcolico al 5,2%  ha un gusto maltato e retrogusto erbaceo floreale, praticamente una Lager; la “Rossa” con grando alcolico al 6,0% ha un retrogusto mordido; La “Tosta” con grado alcolico al 7,3% è una birra bionda a doppio malto. Presentata anche all’Expo di Milano, ha ricevuto molte recensioni positive da tutto il mondo, praticamente un orgoglio siciliano. Utima chicca da sapere? I macchinari sono stati montati in un ex-cinema. Molti l’hanno criticata per il suo nome un pò hard, ma personalmente credo che il nome non sia un probema, quando un azienda come la Sikania, azienda di lunga tradizione, ha fatto di questo marchio, il loro punto di forza. Noi non ci pensiamo, ci beviamo una minchia di birra e su con la vita.

4

Se volete seguirla andate al sito BirraMinchia.it oppure alla pagina Facebook BirraMinchia. Io vi saluto e spero di avervi incuriosito tanto quanto me. Peace and Che Minchia Bevete? Un Abbraccio, BornCrazy xD.

5

ESPERIENZA DA NON VEDENTE!

Giorni fa a Catania, grazie ad un’iniziativa cittadina chiamata “Notte Dei Musei”, ho avuto la possibilità di andare al museo Tattile. Credo che molti di noi, non si rendano conto della fortuna che 20160423_233734abbiamo, di poter ascoltare, parlare e sopratutto guardare con i nostri occhi il mondo che ci circonda. Entro incuriosito, pago il biglietto e mi metto in fila. La guida ci spiega un bel pò di cose, dalle precise miniature di bellissimi monumenti al loro slogan VIETATO NON TOCCARE. Le riproduzioni sono fatte davvero bene, monumenti da tutto il mondo riempiono il museo: dal Colosseo di Roma alla Torre Eiffel di Parigi fino ad arrivare alla stupenda Valle dei Templi di Agrigento.

20160423_235815Un’altra parte del museo che mi ha impressionato è sicuramente la zona dedicata ai famosi quadri, ideati e svillupati dalla Stamperia Regionale Braille. Uno tra questi è “La Creazione di Adamo” di Michelangelo con metodo Ottico-Tattile. La guida ad un certo punto ci chiede se vogliamo provare il “Giardino Sensoriale”. Praticamente è un bel giardino, arricchito di fiori e profumi tipici del Mediterraneo. Dentro questa oasi verde c’è un percorso tattile, segnaletica in Braille con indicatori sonori. Voi direte: “Vabbè, niente di più semplice” ma, riuscireste a fare tutto questo bendati? io ho provato a cimentarmi in questo percorso e non è stato per niente facile, completamente bendato, riuscendomi ad orientare solo grazie al percorso tattile. Finito questo, proviamo il “Bar al Buio” dove i non vedenti diventano le nostre guide e ci fanno vedere come sia difficile muoversi in uno spazio ristretto e dove chiedere anche un semplice bicchiere d’acqua ad un banconista non è roba da poco. 20160423_233113

Che dire? Un’esperienza davvero unica, che ti fa capire quanto è difficile per un non vedente muoversi e girare il mondo. Posso solo ringraziare il Polo Tattile per quello che fa per queste persone, riuscendo a far conoscere i monumenti o altre opere d’arte laddove gli occhi non possono. Credo proprio che tornerò nuovamente in questo museo, approfondendo ancora di più l’argomento. Un abbraccio dal vostro BornCrazy. Peace and Vietato Non Toccare. xD

PARLARE DI CRISI E TROVARE I LIMONI DEL SUDAFRICA AL SUPERMERCATO!

12189926_1520036088313886_9110172146160980420_n

Non sono un esperto d’economia, ma non penso che ci vuole una laurea a capire che se un prodotto lo importo dall’altra parte del mondo, e costa meno di un prodotto nostrano, c’è qualcosa che non va. L’Italia è famosa in tutto il mondo per i prodotti che esportiamo con orgoglio: Pasta, Vini e liquori, Prosciutti e salumi, Formaggi, Conserve, Oli, Dolciumi e chi più ne ha, più ne metta. Non avremmo bisogno di importare prodotti da nessuna parte al mondo. Ed invece, a Palermo, troviamo i LIMONI del SUDAFRICA (vedi foto). In Sicilia mancano limoni? Non capisco il senso di pagarli 2,89€ al kg, quando in tutto il mondo, c’invidiano gli agrumi siciliani … Gente apriamo gli occhi e iniziamo ad acquistare prodotti italiani, perché qui si continua a parlare di crisi, ma nessuno fa niente per evitarla….

FATE BENE A CHIAMARLO “ORO VERDE”!

pistacchi-bronte

Personalmente credo che la Sicilia sia uno dei posti più belli del mondo e mi ritengo fortunato di viverci. 2 giorni fa, prendo la macchina ed, insieme alla mia ragazza, parto, destinazione: BRONTE, dove si tiene la famosa “SAGRA DEL PISTACCHIO”. Appena arrivato, verso le 18, trovo subito parcheggio e iniziamo il giro turistico. Ammetto di aver mangiato subito un arancino (nella foto rende l’idea del primo morso), soddisfatto dal gusto, meno dal prezzo (far pagare un arancino 2,50€, non la vedo come un ottima idea). Dopo aver girovagato in lungo e in largo tutta l’area, mi fermo in una bancarella dove vendevano le paste di mandorla (con pistacchio), decido di prenderne una decina da portare a casa, aggiungendo una ciambella alla Homer Simpson (anch’essa, ovviamente, col pistacchio) pagando il tutto, la bellezza di 10€. Si fanno le 21 e decidiamo di andare all’area food, dove decido di assaggiare il panino con porchetta di suino nero dei Nebrodi con pistacchio (ovviamente), melanzane e funghi, aggiungo una lattina di Coca Cola e pago 7,50€. Il panino non si discute, la porchetta era davvero tenera e ottima ma il prezzo mi lascia un pò a desiderare. Decidiamo di tornare a casa, ma non prima di prendere la crepes con la “Pistacchiella” e Kinder Maxi (foto). Non vorrei dirlo, ma ho pagato 2 crepes, 10€. La crepes era buonissima, non si discute, ma basta mettere in tutto un pò di pistacchio, il prezzo lievita che è un piacere. Resoconto finale: Tutto buonissimo ma troppo caro. So benissimo che la Sicilia è l’unica regione italiana dove si produce il pistacchio, e Bronte, con oltre tremila ettari di coltura, ne rappresenta l’area di coltivazione principale (più dell’80% della superficie regionale e l’1% di quella mondiale), ma il prezzo è davvero esagerato. Basti pensare che 1kg di pistacchi costa 38€ per farsi un’idea. Non metto in dubbio, il lavoro che c’è nel coltivalo e cosi via, però credo che i prezzi si possano leggermente abbassare. Il consiglio che posso darvi è di andare alla Sagra del Pistacchio (c’è ancora dal 02 al 04 ottobre 2015), girovagare per tutta la sagra e mangiarvi delle ottime pennette al pistacchio (4.50€) e una buonissima crepes, per il vostro benessere, ma sopratutto, per il vostro portafoglio. Fate bene a chiamarlo Oro Verde. Fate benissimo…..

wpid-img_20150927_081025.jpg
Arancino al Pistacchio

wpid-img-20150927-wa0010.jpg
Crepes al Pistacchio e Kinder Maxi