COME CERCARE LAVORO NEI RISTORANTI ALL’ESTERO

Premetto che cercare lavoro all’estero di questi tempi non è per niente facile, molti sono gli italiani che emigrano nei paese esteri in cerca di fortuna.  Inizio col dirvi che personalmente, vi consiglio di non mettervi nelle mani di pseudo agenzie per vari motivi:

  • La maggior parte delle volte vi chiedono denaro in cambio di lavoro, cosa assolutamente ILLEGALE e IMMORALE.  
  • Quando non vi chiedono denaro in cambio, lo chiedono ai locali dove nessuno vuole andare, semplicemente perchè il proprietario del ristorante non è esattamente un gentleman.
  • Non hanno sicuramente idea di cosa voi siate in grado di fare e non gliene può fregare nulla.

Adesso che abbiamo chiuso la questione “false”  agenzie di lavoro. Inizio col dirvi, che se avete intenzioni di lavorare all’estero, la sincerità è sicuramente la via migliore per iniziare tutto. Mi spiego meglio, se un locale cerca un cuoco, ma voi fino ad allora, avete cucinato pasta per voi, per i vostri genitori o per i vostri amici, non candidatevi neanche per sogno. L’idea della cucina italiana all’estero, che riescono a farla anche i bambini, non è cosi vera. Se non sapete fare assolutamente nulla in cucina, iniziate col fare il lavapiatti  per poi crescere professionalmente ed aumentare di “grado”. Quando vi dicono di fare il lavapiatti, la maggior parte delle volte si parla anche di preparazione insalate e antipasti. Mentre se siete pizzaioli o cuochi, avrete sicuramente strade più aperte, ma i problemi non mancheranno. Ogni locale ha i propri piatti e i propri modi di fare, se voi volete imporre il vostro modo di lavorare iniziate male. Dovete parlare col gestore del locale e lavorare insieme, credere in voi stessi ma sopratutto credere nel ristorante. Per i camerieri è scontato dire che bisogna sapere la lingua del posto in cui avete intenzione di lavorare.

Parliamo adesso di come cercare lavoro all’estero. Sicuramente è stato semplificato grazie a internet e ai social network, ma dovete stare molto attenti alle truffe, che non mancano mai. Vi elencherò vari metodi che potrete utilizzare:

  • INTERNET: Sono molti i locali che tramite i siti di annunci, pubblicano offerte di lavoro. Potete provare su Subito, Backeka, ecc.
  • GRUPPI FACEBOOK: Su vari gruppi Facebook, ci sono moltissimi che cercano personale nei ristoranti. Se sapete anche dove volete lavorare, sarà più semplice cercando gruppi tipo “Italiani a ……. ” dove molti nostri connazionali si ritrovano per consigli o semplicemente per fare amicizia.
  • TELEFONO: Il buon vecchio metodo, chiamando nei vari locali italiani che ci sono presenti nel mondo, chiedete del proprietario e parlate direttamente con loro. Se vi rispondono in lingua straniera, andate su Google Translate e ripetete la traduzione di ciò che volete dire. Mettete da parte la timidezza e buttatevi, più di un NO non potete ricevere.

Una volta avuti i primi contatti, vi consiglio, di farvi trovare sicuri di ciò che sapete fare, e per esperienza personale chiedete cosa offrono.  Non abbiate paura dei rifiuti, un NO non ha mai ucciso nessuno, semplicemente non era ciò che cercavate o non eravate ciò che cercavano. 

Se riuscite ad avere il lavoro, ma purtroppo il vostro principale non è ciò che vi aspettavate, iniziate da subito a cercare un altro lavoro. Sono molti i titolari che si fanno forti delle vostre debolezze, perchè sicuri della loro posizione, ma all’estero funziona tutto diversamente, se ci sono problemi burocratici o maltrattamenti recatevi sin da subito dalla polizia locale e denunciate tutto. Meno truffatori in giro, più lavoro sicuro.

Spero di avervi in qualche modo aiutato, se avete dubbi o perplessità contattatemi nella mia pagina Facebook BornCrazy cercherò in qualche modo di rispondere a tutti. Non posso trovarvi il lavoro, ma posso spiegarvi meglio come si può fare.

BYE BYE ITALY

Con un’Italia sempre più allo sbando, sono molti gli italiani che vanno via, lasciando la propria casa, la propria terra e la propria vita, per trovare fortuna altrove. Sembra una storia già vista, tanti gli italiani, in passato, che lasciarono il Belpaese per andare nelle Americhe o in Australia. Il tempo passa, ma le cose non cambiano di molto, perchè se fuori dei confini europei, si sceglie l’Australia, in Europa si va, o in Inghiterra, o in Germania, senza dimenticare nuovi posti come Olanda e Norvegia. Ma cosa si va a fare in questi posti? Non tutti inizialmente sanno parlare una lingua diversa dall’italiano, e allora si inizia con un lavoro da “dietro le quinte”, di solito in cucina, come lavapiatti, o in sala, per chi “mastica” anche un pò di inglese, come cameriere. I primi tempi sono davvero duri: vivere in una stanza, la mancanza di amici e parenti, le diverse abitudini, e senza dimenticare i cambiamenti meteorologici famosi nel nord Europa. Ovviamente non tutti sono fatti per questa vita e molti di loro, dopo qualche mese, tornano nella madre terra Italia. Chi rimane, però, comincia a farsi una vita, a far carriera e ad imparare la lingua, per poi fare radici. Non dimentichiamo che ormai anche le grandi aziende italiane, stanno spostando le loro fabbriche, o uffici, fuori dall’Italia, per colpa delle tasse troppo alte. Insomma, stringendo, in Italia si fa fatica ad andare avanti, e si cercano rimedi o soluzioni per crearsi un futuro che in Italia, neanche col binocolo si vede. Gi italiani ormai li trovate in tutto il mondo, dal Brasile all’Iran, dal Sud Africa all’India, da Dubai alla Nuova Zelanda, ma sapete dove si trova la maggior parte di cittadini italiani nel mondo? Io avrei detto Australia o Stati Uniti, ma la risposta corretta è l’Argentina. Non fate quella faccia, anche io sono rimasto perplesso, ma le statistiche parlano chiaro, in Argentina ci sono circa 691,481 contro i 651,852 italiani che vivono in Germania. Come dargli torto?

Molti gli amici o parenti, che hanno provato la vita all’estero. Pochissimi sono tornati, molti altri sono rimasti. La mia idea è quella di raccogliere le esperienze vissute, sia per chi c’è l’ha fatta, ma anche per chi non è riuscito. Cercando di capire i motivi sia di uno che dell’altro. Al più presto ci saranno novità. un saluto da BornCrazy. Peace and Goodbye Italia. xD