COME CERCARE LAVORO NEI RISTORANTI ALL’ESTERO

Premetto che cercare lavoro all’estero di questi tempi non è per niente facile, molti sono gli italiani che emigrano nei paese esteri in cerca di fortuna.  Inizio col dirvi che personalmente, vi consiglio di non mettervi nelle mani di pseudo agenzie per vari motivi:

  • La maggior parte delle volte vi chiedono denaro in cambio di lavoro, cosa assolutamente ILLEGALE e IMMORALE.  
  • Quando non vi chiedono denaro in cambio, lo chiedono ai locali dove nessuno vuole andare, semplicemente perchè il proprietario del ristorante non è esattamente un gentleman.
  • Non hanno sicuramente idea di cosa voi siate in grado di fare e non gliene può fregare nulla.

Adesso che abbiamo chiuso la questione “false”  agenzie di lavoro. Inizio col dirvi, che se avete intenzioni di lavorare all’estero, la sincerità è sicuramente la via migliore per iniziare tutto. Mi spiego meglio, se un locale cerca un cuoco, ma voi fino ad allora, avete cucinato pasta per voi, per i vostri genitori o per i vostri amici, non candidatevi neanche per sogno. L’idea della cucina italiana all’estero, che riescono a farla anche i bambini, non è cosi vera. Se non sapete fare assolutamente nulla in cucina, iniziate col fare il lavapiatti  per poi crescere professionalmente ed aumentare di “grado”. Quando vi dicono di fare il lavapiatti, la maggior parte delle volte si parla anche di preparazione insalate e antipasti. Mentre se siete pizzaioli o cuochi, avrete sicuramente strade più aperte, ma i problemi non mancheranno. Ogni locale ha i propri piatti e i propri modi di fare, se voi volete imporre il vostro modo di lavorare iniziate male. Dovete parlare col gestore del locale e lavorare insieme, credere in voi stessi ma sopratutto credere nel ristorante. Per i camerieri è scontato dire che bisogna sapere la lingua del posto in cui avete intenzione di lavorare.

Parliamo adesso di come cercare lavoro all’estero. Sicuramente è stato semplificato grazie a internet e ai social network, ma dovete stare molto attenti alle truffe, che non mancano mai. Vi elencherò vari metodi che potrete utilizzare:

  • INTERNET: Sono molti i locali che tramite i siti di annunci, pubblicano offerte di lavoro. Potete provare su Subito, Backeka, ecc.
  • GRUPPI FACEBOOK: Su vari gruppi Facebook, ci sono moltissimi che cercano personale nei ristoranti. Se sapete anche dove volete lavorare, sarà più semplice cercando gruppi tipo “Italiani a ……. ” dove molti nostri connazionali si ritrovano per consigli o semplicemente per fare amicizia.
  • TELEFONO: Il buon vecchio metodo, chiamando nei vari locali italiani che ci sono presenti nel mondo, chiedete del proprietario e parlate direttamente con loro. Se vi rispondono in lingua straniera, andate su Google Translate e ripetete la traduzione di ciò che volete dire. Mettete da parte la timidezza e buttatevi, più di un NO non potete ricevere.

Una volta avuti i primi contatti, vi consiglio, di farvi trovare sicuri di ciò che sapete fare, e per esperienza personale chiedete cosa offrono.  Non abbiate paura dei rifiuti, un NO non ha mai ucciso nessuno, semplicemente non era ciò che cercavate o non eravate ciò che cercavano. 

Se riuscite ad avere il lavoro, ma purtroppo il vostro principale non è ciò che vi aspettavate, iniziate da subito a cercare un altro lavoro. Sono molti i titolari che si fanno forti delle vostre debolezze, perchè sicuri della loro posizione, ma all’estero funziona tutto diversamente, se ci sono problemi burocratici o maltrattamenti recatevi sin da subito dalla polizia locale e denunciate tutto. Meno truffatori in giro, più lavoro sicuro.

Spero di avervi in qualche modo aiutato, se avete dubbi o perplessità contattatemi nella mia pagina Facebook BornCrazy cercherò in qualche modo di rispondere a tutti. Non posso trovarvi il lavoro, ma posso spiegarvi meglio come si può fare.

LAVORARE ALL’ESTERO: ATTENZIONE! PER QUALCUNO SIETE DEGLI SFATICATI

Dopo tanti anni di lavoro all’estero, non mi era capitato di trovare gente con una mentalità cosi stupida e antica come questo individuo, che per ragioni di privacy chiameremo Signor Z. Questo personaggio, ha postato un discorso abbastanza negativo sugli italiani che vanno a lavorare all’estero, forse sugli italiani in generale, spiegando perchè per lui siamo tutti degli SFATICATI. Di seguito gli screenshot di quello che ha scritto: (leggere in base alla numerazione)

1

2

3

 

 

 

 

 

 

 

4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi mi conosce sa che di solito non cado in provocazioni di questo genere, ma questa volta mi sono sentito chiamato in causa. Ho lavorato per anni all’estero e posso dire davvero di aver conosciuto sia persone buone e sia persone cattive. Chi non è mai entrato in questo “mondo” non può neanche immaginare di cosa vediamo e sentiamo giornalmente. Il mio carattere mi ha permesso però, di rimanere solo in posti, dove il rispetto per il lavoro e per le persone veniva messo prima di ogni cosa, mentre dove tutto questo non c’era, ho sempre avuto un comportamento da professionista, spiegando che loro non erano ciò che cercavo. Ritornando al signor Z, che è anche moderatore di questo gruppo, posso solo dire di aver visto con i miei occhi, che si prende il lusso di dare dello SFATICATO a chi chiede qualche informazione su lavori che propongo in questo gruppo. Perchè secondo il suo modesto parere lo SFATICATO è:

  • Chi non accetta di lavorare 14 ore al giorno
  • Chi vuole avere un alloggio che sia degno di essere chiamato cosi e non di vivere in un all’alloggio dove le stalle in confronto sono stanze di albergo 5 stelle
  • Chi rifiuta un lavoro che non lo soddisfa sia a livello economico che a livello personale
  • Chi chiede di sapere prima di fare più di 1000km di quanto sia lo stipendio
  • Chi chiede di essere trattato come una persona e no come un animale
  • Chi risponde agli insulti dei titolari
  • E tante altre cose.

Vorrei spiegare al signor Z, che quelli che lui chiama SFATICATI, io li chiamo SFRUTTATI, da quella categoria di titolari italiani andati all’estero , che dopo aver aperto un locale, sicuramente dopo tantissimi sacrifici, si dimenticano di essere stati anche loro dipendenti. Permettetemi di dire che voglio essere chiamato PROFESSIONISTA se do il giusto rispetto al lavoro che faccio. Il tempo, l’educazione e l’impegno che do per il chi lavoro deve essere messo in primis su tutto. Io mi ritengo una di quelle persone che può ritenersi fortunate di aver avuto esperienze all’estero abbastanza positive, a differenza di molti che non hanno avuto altro che delusioni e maltrattamenti. Cari italiani che volete lavorare all’estero, sappiate che non tutti sono come il Signor Z, c’è molta gente che vi aiuterà e vi farà sentire importanti, perchè non dimentichiamo che se un locale va avanti è anche grazie a noi poveri SFATICATI.

Vi posso assicurare che la discussione non finisce qui, e questo è solo il primo articolo di tanti altri. Per la cronaca, il post scritto è stato eliminato dopo esser stato criticato apertamente dal sottoscritto, perciò non capisco l’ultimo punto della sua lista dell’essere uno SFATICATO, dove dice: “sono proprio questi ITALIANI che nemmeno hanno il coraggio di rispondere a queste accuse per non voler dimostrare di essere degli sfaticati”. Il Signor Z non mi ha mai risposto, perchè è il solito “leone da tastiera”, quello che tira la pietra e poi nasconde la mano.

ps. il Signor Z fa anche video dove da tanti consigli ai titolari di locali, peccato che in base al suo canale YouTube nessuno gli dia tanto conto, menomale direi 😉

HO APERTO UN NEGOZIO SU TEESPRING, PARLIAMONE!

Uno dei miei sogni è sicuramente quello di creare un brand tutto mio, con le mie creazioni in bella vista, con t-shirt, felpe, accessori e così via. L’altro giorno posso dire di averlo realizzato per metà. Ho conosciuto Teespring, questo sito ti da la possibilità di creare un vero e proprio negozio online con le vostre creazioni. Vi spiego pian pianino i passi che dovete fare:

  1. Iscrivervi al sito (ovviamente!).
  2. Caricare le vostre “Opere”.
  3. Scegliere su quale prodotti farli stampare.
  4. Decidere il vostro profitto, tenendo conto delle spese base che il sito trattiene tra capo d’abbigliamento e stampa.
  5. Pubblicarle nel loro sito.
  6. Se volete, potete creare un mini negozio gestito da voi con grafiche e logo personalizzate.
  7. Iniziare a guadagnare.

Detto cosi sembra davvero semplice, ma non è proprio cosi. Dovete essere davvero bravi a pubblicizzarlo ed a farlo ingranare, in modo che le vostre t-shirt siano le più vendute. Il sito vi fornisce anche dei buoni consigli per poter pubblicizzare al meglio il vostro negozio o i vostri capi d’abbigliamento. Se volete dare un’occhiata per capire meglio, vi lascio il link del mio https://teespring.com/stores/borncrazyshopping

Vi consiglio di aprire anche una pagina Facebook, in modo da pubblicizzarlo al meglio ed avere più possibilità di interloquire con chi voglia acquistare qualcosa, chiedere info oppure semplicemente ringraziarvi. La mia è https://www.facebook.com/borncrazystore

Spero che questa mini guida serva a qualcosa, se qualcuno volesse contattarmi per consigli, commenti o qualsiasi cosa, scrivete qui sotto o contattatemi in uno dei tanti social a cui sono iscritto. Peace and Sell!!!

PENICHE, Il Paradiso che non ti aspetti

Vi è mai capito di sentire famigliare un posto senza averci mai messo piede prima?

Ecco, a me è successo proprio questo a Peniche. Questa piccola città portoghese che si affaccia sull’Atlantico mi ha fatto sentire a casa. Simile ai classici paesi tradizionali del Sud Italia, mi ha trasmesso subito sensazioni positive. 



Sentire l’aria fresca di quel posto, l’aria di mare, che ti fa stare bene, ha risvegliato qualcosa di bello in me, qualcosa di meraviglioso. Peniche mi ha fatto capire che il mondo deve essere scoperto più che puoi e non si può rimanere seduti in un ufficio senza provare a visitarlo. Camminare a piedi, sugli scogli, sulla strada, sulla spiaggia, scoprendo questo paradiso mi ha fatto sentire vivo. 

La mia convinzione prima di prenotare il viaggio era di vedere il Portogallo come un paese in piena crisi, convinzione smentita categoricamente poco tempo dopo. Pieno di turisti, si fa forte di una crescita che si tocca con mano. I locali hanno avuto l’intelligenza di non esibire prezzi troppo alti, permettendo davvero a tutti di andare a mangiare fuori, senza aver paura del conto. 
Senza dimenticare che Peniche è una delle tappe più importanti del World Surf League e vedere un campione, come Medina, sfidare quelle onde è stata un’esperienza stupenda.

Che dire? Tra cibo, paesaggi, onde gigantesche, spiagge stupende e tutto quanto, il Portogallo, in particolare Peniche, mi resterà nella mente per un bel pò, con la promessa di un ritorno per conoscere nuovi posti e nuove avventure.

Consiglio il Portogallo a chi ama avventurarsi nella natura, scoprendo un posto meraviglioso, con spiagge da sogno, e a chi vuole viaggiare senza spendere una fortuna.

10 DOMANDE A EROS MERLIN, SCRITTORE “PICCANTE”

Il sesso è un argomento che porta sempre un certa curiosità. Non tutti riescono a parlarne, come se ci fosse chissà quale blocco nel discutere di una delle cose più normali e naturali del mondo. Ne ho parlato con uno scrittore di racconti erotici, Eros Merlin (nome d’arte) della Bluestars.

1. Quando ha deciso di iniziare a scrivere racconti erotici? E perchè?

Fin da piccolo ho sempre amato il cinema e la letteratura. Entrambi hanno il potere di raccontarci. Nei film e nei libri (soprattutto quelli belli) ritroviamo i nostri sentimenti, i nostri desideri, le nostre forze, le nostre debolezze, le nostre paure e soprattutto i nostri sogni. E questo vale anche per i film, i racconti, romanzi o fumetti di matrice erotica o pornografica. Amo ogni genere, e come autore gli ho affrontati un po’ tutti. Ho trentasette anni, e una ventina di pubblicazioni tra romanzi e antologie, raccolte di poesie, gialli, fantasy e qualche horror. Mi mancava appunto il genere erotico e l’occasione di sperimentare anche esso, mi è saltata fuori all’improvviso due anni fa. Ero seduto in un locale con un mio amico da anni nell’editoria, un altro autore, e un giovane imprenditore smanioso di aprire una casa editrice di genere erotico. Parlando a lungo sul progetto, è nata l’idea di lanciare una collana diretta al mercato digitale, che offrisse ad un pubblico solo adulto conturbanti storie erotiche spinte, trasgressive, ma raccontate con classe. Le pubblicazioni della BLUESTARS sono incominciate nel gennaio 2015, e, subito abbiamo avuto una buona risposta di pubblico. La cosa è andata avanti per un’annetto o poco più, doveva diventare qualcosa di più serio, poi, il mio socio imprenditore si è tirato indietro, per un po’ di tempo il sipario si è abbassato. Poi, lo scorso dicembre, ho deciso che avrei ripreso in mano il progetto da me. Perché scrivo di sesso, di erotismo e trasgressione? E perché non dovrei farlo. Sesso, erotismo e trasgressione fanno parte del genere umano, proprio come i sentimenti, i sogni e le paure. Se uno scrittore erotico dev’essere bollato come un pervertito, beh allora un autore di thriller è un probabile serial killer?

2. I racconti che scrive sono frutto della sua fantasia o sono “tratti da una storia vera”?

Non per vantarmi, avrei pure anche più di qualche piccante avventura personale da raccontare : ) Ma visto che voglio dare ai miei lettori storie davvero forti, al limite della trasgressione, devo ricorrere alle mie fantasie più hot. Ciò che mi sforzo di fare di volta in volta, è di creare storie che abbiano sì una forte carica erotica, che facciano esplorare i nostri desideri e le nostre fantasie più peccaminose, ma che allo stesso tempo siano incastonate in una dimensione reale. Voglio che i miei lettori, abbiano la possibilità di immedesimarsi appieno in ciò che racconto, fino a credere che avventure del genere possano accadere pure a loro. Lo voglio, lo desidero con tutto me stesso perché so che è questo che fa eccitare i miei lettori. Le mie parole devono dar vita a lenti, profondi, sospiri … non sbadigli.

3. Cosa consiglia a chi vuole iniziare a scrivere questo tipo di racconti?

Lasciatevi andare! Sono molti i siti dove ci si può liberamente pubblicare i propri racconti erotici, senza essere dei scrittori professionisti e in totale anonimato. Farlo è un qualcosa di molto, molto eccitante. E non sentitevi assolutamente in colpa per le vostre fantasie. Se poi, con il tempo da “gioco” volete farla diventare una passione-professione, beh qui la lista di consigli da dare sarebbe un po’ lunga. La letteratura erotica non chiede meno tecnica e professionalità di altri generi. Personalmente, non escludo in futuro di dedicare uno spazio in rete o un ebook a tutti coloro che vorrebbero diventare autori di genere erotico.

4. I suoi lettori sono prevalentamente uomini o donne? E perchè?

Non ho dati alla mano. Dicono che la letteratura erotica attiri più un pubblico femminile, mentre l’hard in video un pubblico maschile. Ho però sempre più lettori che mi contattano sul mio profilo facebook, magari non dandomi la loro amicizia, giusto per tenere nascosto il loro interesse verso il mio mondo, ma smaniosi di chattare con me, di farmi sapere che le mie fantasie sono le loro fantasie. Per poi parlarmi delle loro curiosità, dei loro dubbi, o anche paure. Oltre che autore, sto quasi diventando una specie di confidente sessuale, e, se una chiacchierata in mia compagnia aiuta in qualche modo a cancellare complessi o dubbi, sono onorato e fiero di dedicare qualche mezzora o ora del mio tempo.

 

5. Secondo lei, perchè, in Italia, parlare di sesso è ancora un tabù?

Di sesso si parla. E’ che l’Italia è il paese delle contraddizioni per eccellenza, i tabù li poniamo dove non servirebbero proprio. Mettiamo in croce un’insegnante che vorrebbe fare un buon corso di educazione sessuale, che vada oltre all’ape e al fiore, e poi lasciamo i nostri figli in balia della tv, di internet e dei cattivi consigli degli amici. Bisogna parlare di sesso, ma soprattutto farlo nel modo corretto. E, nel caso dei più giovani questo compito tocca ai genitori. Care mamme e cari papà è inutile che vi nascondiate dietro ad un dito, facendo finta che voi, di certe cose non ne sapete. Siate diretti con i vostri ragazzi. Parlate con loro di prevenzione, spegnete i loro complessi, educateli al rispetto di loro stessi e degli altri e soprattutto insegnateli che nel sesso prima del corpo si usa la testa. Ma questa, sarebbe una cosa da insegnare pure a tanti adulti. Vedi, io sono per una sessualità ed un erotismo libero, ma vissuto in modo intelligente. Vuoi perdere la verginità? Okay! Ma fallo con la persona giusta e usando le giuste precauzioni. Vuoi trasgredire? Benissimo! Ma evita di farlo mettendo in rete un tuo video senza veli, o di voler vivere la tua trasgressione con qualcuno che non conosci o conosci appena.

6. Pensa che internet ha dato o ho tolto all’erotismo in generale?

La rete è un immenso calderone, dove tutti possono gettare di tutto. C’è anche del buono, ma la maggior parte è immondizia pura. Sì, abbiamo tutto il porno che vogliamo a portata di click, ma non sempre il porno è erotico. Anzi, lo è sempre di meno. Vedi, erotismo non è semplicemente sesso, carne, corpi che giocano tra di loro. Erotismo è anche sensazioni, emozioni, sensi di colpa, voglia di lasciarsi andare. Raccontare erotismo significa trasmettere ciò che succede anche nella nostra mente, nella nostra anima, nel nostro io più profondo. Per questo un’opera erotica spesso è molto più eccitante di un’opera pornografica. Guarda a caso, mentre il mondo del hard fattura sempre meno, la letteratura erotica incuriosisce e guadagna sempre di più.

7. Molte donne si sentono tradite quando scoprono che il loro uomo guarda porno o legge racconti erotici, lei cosa ne pensa?

Penso che in un certo senso abbiano ragione. Sono convinto che in un giusto rapporto di coppia nulla vada nascosto e tutto debba essere condiviso, anche la visione di un film porno. Forse per molti sto dicendo un’eresia, e, se così è, è perché ci sono ancora molti muri mentali da abbattere. Vediamo ancora un romanzo erotico, o un film porno come prodotti adatti ad un solo pubblico maschile, spesso single. Siamo ancora del parere che sessualità maschile e femminile siano differenti. Storciamo magari il naso all’idea che una coppia sposata si possa guardare un film porno o che una madre di famiglia si senta eccitata di fronte alla scena di una doppia penetrazione.

8. Le fantasie erotiche e l’amore sono compatibili tra loro?

Tutto è compatibile con l’amore. Tranne l’odio. Se poi vuoi sapere se a mio parere all’interno di un rapporto di coppia, amore, erotismo e magari anche trasgressione possano andare a braccetto, perché no?

9. Quali difficoltà incontra uno scrittore nella pubblicazione di racconti erotici?

Per i contenuti nessun problema. Ma per la parte grafica ovvero le copertine, c’è molta censura, sia da parte dei social, che delle piattaforme di vendita. E questa cosa francamente la trovo un po’ ridicola. Facebook e company, permettono la condivisione di video e immagini violente, offensive, dementi, ma guai a chi pubblica un solo capezzolo. Poi, se sei un esordiente alle primissime armi, o hai qualcuno che ti prende per mano e ti insegna qualche trucco del mestiere, oppure rischi che le tue pubblicazioni non ti rendano nulla.

10. Quali sono le critiche più strane e più assurde che le hanno fatto?

Fin’ora, forse solo per fortuna, di critiche non ne ho ricevute. Se, e quando arriveranno, se saranno costruttive ne farò tesoro, altrimenti, se saranno assurde, alla voce dell’ignoranza non vale la pena dar peso.

Finisce qui l’intervista. Volevo ringraziare Eros per la sua disponibilità e per la gentilezza nel rispondere alle mie domande. Spero che acquistiate qualche suo racconto e che lo commentiate qui sotto. Peace and Sex. XD

DOVE SIAMO ARRIVATI?

3 giugno 2017, Finale di Champions League, Juventus Vs Real Madrid. Doveva essere una tranquilla serata, andare in piazza San Carlo a Torino e tifare la propria squadra del cuore, invece tutto questo si è trasformato in uno “scappa e fuggi” generale, conclusione? 1527 feriti.

Oltre tutte le persone morte nei loro attentati, stanno distruggendo noi mentalmente, fisicamente sarebbe stato sicuramente più semplice, ma sono riusciti in una delle imprese più ardue: entrare nella mente di ogni persona, uomo o donna che sia, e terrorizzarlo. E’ stata una “bravata” si dirà dopo, un ragazzo ha semplicemente aperto le braccia ed è rimasto fermo, come un “kamikaze”, si avete letto bene, adesso alzare le braccia può significare “sono un kamikaze”. Vorrei dire una cosa, forse sarò un pò crudele ma è ciò che penso, Non Si Può Scappare, se quel ragazzo fosse stato realmente un “kamikaze”, saremmo qui a scrivere di ben altro.

Credo che hanno già vinto, hanno ottenuto quello che volevano, ci facciamo male da soli, anche quando loro non c’entrano nulla. Finirà tutto questo prima o poi? Riusciremo a vivere senza la paura di uscire da casa? Lo spero, nel frattempo proviamo a vivere e a goderci la vita. Peace and Keep Calm Forever

NEUNTE MONAT IN DEUTCHLAND!!!

Dopo 9 mesi sono ancora più convinto della scelta fatta, venire a vivere qui è stata una delle scelte più sagge fatte nella mia vita. Tante sono state le esperienze in questi mesi e le impressioni sono sempre state ottime. Inizio col raccontarvi la bellezza di entrare in una banca in Germania. Meravigliato dal fatto che ci sono delle semplici porte automatiche, stile supermercato per intenderci, entro e trovo davanti a me una ragazza non più grande di 19 anni, mi spiega come fare ad aprire il mio primo conto in terra tedesca con tutta la semplicità di questo mondo. Nessun vetro ci separava e nessuna cassetta di sicurezza prima di entrare, e quindi mi sono chiesto NON AVRO’ MICA SBAGLIATO PORTA? ed invece no, qui c’è FIDUCIA, una delle prime cose che una banca deve trasmettere al proprio cliente. Ormai che ci sono, faccio anche un pò di pubblicità: La mia banca è differente (da quelle italiane), è Sparkasse. C’è anche da dire che le banche in Germania sono davvero dappertutto, in ogni paese, piccolo o grande che sia ci sono sempre, per darvi la possibilità di poter prelevare o depositare ogni volta che volete. Chiuso capitolo banca, apro l’argomento automobile. Dopo tanti mesi a girovagare nel paese dove vivo, ho avuto quel bisogno necessario di acquistare un auto per darmi la possibilità di uscire oltre i confini e conoscere ancora di più questa nazione. Come prima macchina non voleva acquistare chissà quale supercar, ed ho optato per una Renault Twingo Cabrio. Posso solo dirvi che tra acquisto, assicurazione, targa personalizzata e tasse sono riuscito ad averla in meno di 24 ore. E’ stato uno shock, positivo ma pur sempre uno shock. Ricordo con disperazione giornate intere perse nella mia Sicilia per poter avere la macchina al più presto, pagando passaggio, assicurazione e cose varie non
riuscendo mai ad averla prima di 5 giorni, minimo. Qui? Tutto veloce, ci pensi e il giorno dopo sei già a bordo della tua auto. Ho avuto la fortuna di conoscere città stupende come Landshut e Deggendorf, senza dimenticare di Straubing e del meraviglioso zoo. Per 3 mesi siamo stati con la neve che non voleva scioglersi a -10° e chi più ne ha, più ne metta. Considero questa esperienza molto positivo e credo che più tempo passa, più la voglia di scappare dall’Italia aumenta. Sono orgoglioso di essere italiano fino al midollo ma disgustato dagli italiani che la stanno rovinando. Non è giusto che per essere felici bisogna andarsene dalla propria terra. 9 mesi qui, 9 mesi fuori che non vivo in Italia, 9 mesi
che mi sento rinato. Posso dirlo: STO BENE!

 

ATTENTI AL LUPO… ANZI NO… ALL’UOMO!

17 anni fa il grande Lucio Dalla cantava “Attenti Al Lupo“. Eh no, caro Lucio, i tempi sono cambiati, adesso i lupi in Italia, si abbattono e anche senza motivo. Dal 2 febbraio, infatti, per colpa di un accordo tra Stato e Regioni ci sarà “l’abbattimento controllato fino al 5% degli esemplari presenti sul territorio nazionale”. Enpa, Lac, Lav, Lipu, Lndc e WWF si sono già attivati con petizioni e lettere al presidente del Consiglio, per far si che  questa inutile caccia a lupo non inizi neanche. Per il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti questo 5%, non mette a rischio la specie ma si potranno controllare meglio gli episodi di bracconaggio letali. Ma chi si è mai lamentato? Fatto sta, che questi ministri stanno cominciando a stancare e stanno cominciando a dire e a fare cose inutili. Prima il ministro Poletti dice apertamente che i giovani che vanno all’estero è meglio toglierseli dai piedi, ora Galletti c’è l’ha con i lupi. Qui c’è qualcosa che non va. Che poi mi chiedo, ma se questo 5% abbattuto, risolve il problema di bracconaggio, cosa potrebbe risolvere, “abbattere” il 25% in parlamento? MAH…!!! Povera Italia, in che mani ti hanno messa…. Peace and Save The Wolf… #iostoconilupi

RICORDATE LA VOSTRA VITA PRIMA DEI SOCIAL NETWORK?

post

Anno 2016, i Social Network hanno ormai invaso il mondo, c’è chi twitta, chi mette like, chi crea snap, chi usa hashtag e tutti noi ormai ci facciamo coinvolgere da queste cose novità. Ma vi ricordate quant’era bello quando tutto questo non esisteva? Non voglio andare troppo indietro col tempo, semplicemente all’era dei semplici telefonini con squilli e messaggi. Quando uno squillo significava che quella persona ti pensava, e ti facevi i primi film mentali, passare ore a squillare, senza chiamare, perchè costava troppo. Ed attenzione se facevi mancare qualche squillo alla tua ragazza, “come mai non hai risposto allo squillo?” praticamente l’equivalente di ora di “sei online su whatsapp, come mai non rispondi?”. Senza dimenticare della “Summer Card” o della “Christmas Card” che ti davano la possibilità di mandare sms infinitamente, e quei Nokia si sentivano suonare dappertutto. Oppure personalizzare la suoneria, non era come ora, metti un mp3 e via, dovevi comporla, ti sentivi Mozart in quel momento. C’erano tutte queste cose, ma ricordo anche che c’era ancora il contatto fisico, uscire con l’amico senza mandargli messaggi o cose varie, parlare di presenza, capirsi, interagire. Ora quando succede qualcosa, la vieni a sapere tramite Facebook, “sono incinta”, “il 31 febbraio mi sposo”, “il nonno è venuto a mancare” e via con le classiche frasi “Auguri”, “Condoglianze” parole che rimangono li, su quella pagina. A poco a poco uccidiamo i veri valori della vita, l’amicizia, l’amore, la famiglia. Sta finendo tutto con un tweet. Non dico che i social network non siano degli ottimi metodi per conoscere gente nuova o tenersi in contatto con vecchi amici, ma dovremmo trovare un equilibrio tra la moderna tecnologia e la vecchia scuola di pensiero. Non siate solo “animali da tastiera” ma anche semplici persone che amano prendere un caffè con gli amici, andare a trovare i nonni o semplicemente guardare il mare senza quel bisogno di fotografarlo obbligatoriamente. Tenete anche qualcosa per voi, per la vostra mente. Un piccolo sfogo che condivido con voi, non me ne voliate se la pensate diversamente. Peace and Live. BornCrazy xD

ATTENZIONE AL FILE SHARING IN GERMANIA. LE SOLUZIONI!

copyright_rapidshare_221023-630x360

Premesso che, SCARICARE FILE PIRATI O COPERTI DA COPYRIGHT E’ ILLEGALE in qualsiasi parte del Mondo. In questo articolo parlerò di cosa si rischia e di come “fare attenzione” in terra tedesca. In Germania si rischia di pagare multe tra i 500 e 1500 euro per ogni file scaricato illegalmente. I tedeschi hanno preso seriamente questa lotta, e non si fanno scappare nulla, controllano gli IP facendo attenzione ad ogni utente di qualsiasi provider. E di che ti stiamo parlando? In poche parole se tu scarichi un qualsiasi file, loro riescono a scoprirlo. Loro chi? La Gema, l’equivalente della Siae italiana, ma molto più “cazzuta”. Un altro esempio, in Germania, è YouTube, molti video qui non è possibile vederli, sopratutto i video musicali, vengono bloccati per non farli scaricare con programmi che estraggono i video, trasformandoli in mp3. Una delle prime cose da fare appena si arriva in Germania, è far in modo che programmi come eMule e Torrent non partino all’avvio di Windows. Il metodo è semplice, non bisogna fare File Sharing, comunemente si hanno sanzioni quando condividete i file scaricati (Uploading), se proprio non riuscite a farne a meno dovreste trovare dei download diretti (non sicuri al 100%) o al massimo guardare tutto in streaming. Infatti proprio lo streaming è una delle incognite di questo sistema, in passato c’è stata una causa a RedTube, noto sito pornografico, molti utenti tedeschi, 30.000 circa, avevano ricevuto una letterina con multe da 250euro per aver visto dei video, ma tutto cadde, quando è stato definito che, con lo Streaming non si entra in possesso di nulla. Unico metodo per sbloccare tutto sono i VPN (Virtual Private Network), molti sono i siti che offrono questo servizio, con una spesa media di 5/7 euro al mese. Lo spiego in parole povere, tu con il tuo computer siete collegati dalla Germania, grazie ai VPN, il vostro IP non sarà tedesco ma bensi, da dove volete voi: Italia, Spagna, Hong Kong, Cina, America, qualunque posto, sbloccando servizi come YouTube, Netflix e gli abbonati SkyGo. Questo è tutto, vi consiglio di stare attenti e se vi è possibile di non scaricare, in modo di contribuire al lavoro degli artisti che tanto amate. Un saluto dal vostro BornCrazy. Peace and Download…. xD